Un prodotto “naturale” per sciogliere il ghiaccio

In caso di neve il classico rimedio per sciogliere il ghiaccio che si forma in seguito, quando la temperatura scende, è buttarvi sopra del sale. Ma il sale, lo abbiamo verificato direttamente nel condominio dove abito, corrode e rovina la pavimentazione e il prato se non lo si sa dosare con attenzione. Inoltre spesso i tempi di azione sono lunghi. L’alternativa? Da poco sul mercato c’è Solvay® Scioglineve e Scioglighiaccio, un prodotto a base di cloruro di calcio in scaglie. Messo a punto dalla multinazionale chimica è dichiarato “solubile al 100% e capace di sciogliere una maggior quantità di ghiaccio”.
Stando ai test effettuati dall’azienda infatti, dopo una trentina di minuti, e con temperature prossime allo zero (- 6°C), il prodotto è in grado di sciogliere una quantità di ghiaccio 8 volte superiori a quella sciolta dal sale.

Come mai? “Solvay® Scioglineve e Scioglighiaccio agisce più rapidamente rispetto al sale anche grazie alla sua capacità di sviluppare calore a contatto con l’acqua. “ spiega Stefania Tornelli, Marketing Manager di Solvay Italia. “Mentre il sale, una volta disciolto in acqua assorbe calore, il cloruro di calcio in scaglie sprigiona calore, con l’effetto di sciogliere in modo veloce neve e ghiaccio”.
Tra l’altro, siccome è praticamente incongelabile, quando si scioglie dà origine a soluzioni con un punto di congelamento molto basso ( – 51°C) risultando così fino alle temperature più estreme: fino a -25°C.
Ma che cos’è il cloruro di calcio? Si tratta di un prodotto ricavato dal sale e dal calcare naturali. Contiene, quindi, solo elementi costitutivi naturali. Come e più del sale, è molto solubile in acqua liberando ioni calcio e cloruro.
L’azienda assicura dunque che “l’utilizzo corretto del cloruro di calcio per la fusione della neve e del ghiaccio, tenuto conto delle diluizioni alle quali si trovano in natura, non incide significativamente sul pH del suolo né su quello delle acque”.

Nicoletta