Dieta Adamski: star bene tenendo in salute l’intestino

Dieta Adamski. Chi la segue mangia bene, sconfigge diverse malattie e migliora il suo umore. Parola di Frank Laporte-Adamski,osteopata e naturopata francese che l’ha appunto elaborata in oltre trent’anni di attività. E, dopo aver scritto La rivoluzione Alimentare (Verdechiaro edizioni) ha appena pubblicato La dieta Adamski (Vallardi). Ho letto con attenzione il libro, mi sono ricordata di aver consultato a suo tempo l’altro e, naturalmente ho ritrovato nell’ultimo i pensieri del primo. Con alcune evoluzioni di pensiero e l’ottimizzazione delle strategie. L’impressione? Suggerimenti interessanti da sperimentare per poi giudicare i risultati in prima persona. Ognuno, infatti, è un mondo a sé.
Di sicuro però, come spiega Adamski, pochi umani si occupano del loro “secondo cervello” ovvero dell’intestino, quel tubo lungo lungo da cui dipende la digestione (certo) e dove sono c0ncentrate l’80 per cento delle difese immunitarie dell’organismo. Insomma, secondo l’osteopata francese che visita pazienti sia a Roma che a Milano, tenendo pulito e ben funzionante l’intestino le probabilità di ammalarsi scendono al lumicino. Stop quindi a coliti, cistiti, dolori di schiena, gonfiori, stitichezza, disturbi epatici e di circolazione, ernia iattale, rigurgiti, bruciori di stomaco, gambe gonfie, infezioni urinarie, obesità…
Insomma, tenere pulito l’intestino si rivela un toccasana. Come riuscirci sembra, di primo acchito, abbastanza ragionevole. Il vero segreto è mangiare, in un pasto, solo cibi con la stessa velocità di digestione. Mettendo infatti in tavola alimenti che impiegano 4-5 ore ad essere digeriti con alimenti che ne impiegano mezz’ora provochiamo fermentazione e putrescenza dei cibi: l’origine di tutti i mali. Poi occorre lubrificare l’intestino (cpn olio extravergine di oliva e frutta), mettere da parte almeno in pausa pranzo, il cellulare, bere acqua con un basso residuo fisso e fare movimento fisico. Compreso qualche massaggino addominale ad hoc.
Vi siete incuriositi? Volete sapere quali sono i cibi lenti e quali i veloci? Questi ultimi sono la frutta (tranne quella secca) , pomodori, peperoni, peperoncini, zucca. Il resto è lento.
Io incomincerò la dieta Adamski. L’unica grande difficoltà che vedo è evitare di condire pasta, riso, etc con il pomodoro.
Nicoletta