Ricette con gli scarti di cucina

gen 21, 11 Ricette con gli scarti di cucina

Quando si fa una spremuta d”arancio o si prepara un minestrone con tante verdure diverse, gli scarti prodotti sono spesso piu” voluminosi che lo stesso cibo preparato. Questi avanzi, in genere, vengono buttati. Invece un modo per utilizzarli al meglio c”è. Lo spiega , con proposte originali e interessanti, Lisa Casali,una giovane con la passione per l”ambiente, che ha elaborato insieme a Tommaso Fara deliziose ricette realizzate soltanto con scarti di cucina. Sembra incredibile, ma dalle buccia di arance si possono ricavare gustose caramelle; le buccia delle patate si possono trasformare in ottime patatine; le foglie esterne dei finocchi o le gambe dei broccoli diventano delle creme; con le foglie esterne dei carciofi si possono preparare, aggiungendo un uovo, del formaggio grattuggiata e della mollica di pane, gustosi flan – e cosi” via. Tutte queste ricette si pososno leggere,e quindi sperimentare,  nel libro UNA CUCINA  A IMPATTO [QUASI] ZERO  di Lisa Casali e Tommaso Fara (edizione Gribaudo).

Naturalmente è piu” semplice buttare via bucce, gambi e foglie esterne che trasformarli in pietanze gustose, anche perché queste parti delle verdure vanno cotte piu” a lungo per renderle più morbide (fondamentale dunque munirsi di una pentola a pressione). Dal punto di vista ambientale usare i cosiddetti scarti significa molto perché buttare via mezza carota o patata in forma di bucce vuol dire non ricavare il massimo da prodotti che sono stati annaffiati, raccolti, trasportati e imballati, tutte attività che 2013/13708/ giochi da casino gratis Ltt del 27 marzo 2013 – Indizione lotteria ad estrazione istantanea "Pazzi per lo shopping" 04-04-2013 – Bandi e Concorsi Avviso d’asta per assegnazione di una rivendita ordinaria in Sassuolo (MO)03-04-2013 – Normativa giochi Decreto istituzione dell’Osservatorio sui rischi di dipendenza da gioco03-04-2013 – Comunicato stampa Istituito l’Osservatorio sui rischi di dipendenza da gioco28-03-2013 – Contatti Sono state attivate le caselle di PEC per le sessioni distaccate di Adria, Agrigento, Aosta, Ascoli Piceno, Asti, Brindisi, Chieti, Foggia, Frosinone, Grosseto, Imperia, Isernia, L’Aquila, La Spezia, Latina, Lecce, Livorno, Lucca, Macerata, Massa, Padova, Perugia, Pesaro Urbino, Pescara, Pisa, Pistoia, Ragusa, Rieti, Savona, Taranto, Terni, Verona e Viterbo e per gli uffici Ufficio 3° – Integrazione funzionale e al controllo operativo e GAD28-03-2013 – Tabacchi Determinazione direttoriale Prot. inquinano l”aria e intasano le strade. Inoltre, con i prezzi alimentari in continuo aumento diventa interessante dal punto di vista del risparmio usare ogni parte di verdura e frutta.

Ma ecco una ricetta tratta dal sito di Lisa, così potrete giudicare voi:

Mostarda di arance

Ingredienti: lo scarto di 2 spremute, 200g zucchero bianco, 6 gocce di senape

Preparazione: Tagliare le mezze arance a spicchi,  mettetele in una pentola coperta di acqua fredda e portate ad ebollizione. Lasciate bollire per 15 minuti a fuoco basso. Scolate le arance. Quando si saranno raffreddate rimettetele in pentola con lo zucchero e coprite completamente d’acqua. Lasciate cuocere fino a quando lo sciroppo si sarà ridotto della metà. Suddividete la mostarda nei vasetti di vetro sterilizzati e completate con le gocce di senape. Chiudete i vasetti e capovolgeteli. Lasciateli riposare capovolti fino a quando saranno completamente freddi. Aspettate almeno una settimana prima di consumarla. Si abbina benissimo con i formaggi stagionati


4 Commenti

  1. Teresa /

    e ancora grazie per tutto.Già non butto gli scarti delle verdure,che riutilizzo per fare brodi di verdure nei quali cuocere cereali o legumi.Ma non ho pensato agli scarti della frutta:molto bene!!!
    Ciao
    Teresa

  2. bellissime idee, grazie!!! mi piace l’idea delle patatine con le bucce di patate!
    certo è che gli alimenti devono essere biologici di sicura provenienza…..

  3. Laryssha /

    Al programma “il senso della vita” hanno trattato questo argomento. Una cosa che mi è rimasta molto impressa: le bucce delle arance, ottime come prodotto per la pulizia della casa; pulisce meglio dei prodotti chimici che compriamo al supermercato ed inoltre profuma a lungo l’ambiente.

  4. Alice /

    Con le bucce di arancia si ottiene anche un balsamo S-T-R-A-O-R-D-I-N-A-R-I-O grazie alle pectine contenute!!! Si fa così: le bucce che rimangono dalla spremuta di 2 arance, circa una tazza d’acqua (meglio se distillata) 1 cucchiaino di miele.
    Togliere grossolanamente il bianco, far bollire l’acqua, buttarla sulle bucce e lasciare in infusione per mezz’ora con coperchio chiuso. Aggiungere il miele e frullare tutto molto bene. Mettere negli stampini per il ghiaccio, congelare ed usare 2-3 cubetti (in base alla lunghezza dei capelli) dopo lo shampoo. Rende il capello lucido e districa debolmente

Lascia una risposta

Devi essere registrato per pubblicare un commento.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: